carosi-cinelli

home / Archivio / Fascicolo / Lavoro nella P.A. e giurisprudenza della Corte di Cassazione (aprile-giugno 2021)

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi articolo leggi fascicolo


Lavoro nella P.A. e giurisprudenza della Corte di Cassazione (aprile-giugno 2021)

a cura di Davide Casale e Maria Giovanna Murrone

Giurisdizione Corte di Cassazione, sez. un., ordinanza, 20 aprile 2021, n. 10360, Pres. Manna, Rel. Tricomi, P.M. Mastroberardino (diff.). La procedura per il conferimento degli incarichi di specialista ambulatoriale interno in convenzione con le aziende del Servizio Sanitario Nazionale non ha natura concorsuale, ma costituisce espressione del potere negoziale della p.a. in veste di datore di lavoro, atteso che l’art. 21 dell’accordo nazionale per la disciplina dei rapporti con gli specialisti ambulatoriali, veterinari ed altre professionalità sanitarie prevede che la selezione dei candidati avvenga sulla base di parametri specifici e vincolanti, stabiliti dalla contrattazione collettiva, senza alcun bando e valutazione discrezionale dei titoli o atto di approvazione finale, anche con riguardo alla previsione dell’art. 18, 5° comma, citato accordo, la quale introduce un segmento valutativo tecnico sul possesso di particolari capacità professionali da parte di coloro che sono già iscritti nelle graduatorie. Ne consegue che le controversie relative a tale procedura appartengono alla giurisdizione del giudice ordinario. Incompatibilità Corte di Cassazione, 13 aprile 2021, n. 9660, Pres. Tria, Rel. Bellè, P.M. Fresa (conf.). La disciplina prevista dalla l. n. 339 del 2003, che sancisce l’incompatibilità tra impiego pubblico part-time ed esercizio della professione forense, essendo diretta a tutelare [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio