home / Archivio / Fascicolo / Lavoro nella P.A. e giurisprudenza della Corte di Cassazione (ottobre-dicembre 2018)

indietro stampa articolo indice fascicolo leggi fascicolo


Lavoro nella P.A. e giurisprudenza della Corte di Cassazione (ottobre-dicembre 2018)

Davide Casale e Maria Giovanna Murrone

ATTI AMMINISTRATIVI DI ORGANIZZAZIONE Corte di Cassazione, sez. un., 13 novembre 2018, n. 29081, Pres. Cappabianca, Est. Doronzo, P.M. Capasso (diff.). Impiegato dello Stato e pubblico – Dirigenti – Incarichi dirigenziali – Scelta organizzativa di rivolgersi a professionalità esterne – Potere discrezionale e ricognizione delle professionalità interne – Impugnazione – Giurisdizione amministrativa. Spetta al giudice amministrativo la giurisdizione sulla controversia diretta a contestare principaliter il potere discrezionale dell’amministrazione, sollecitandone il riesercizio, qualora l’impugnativa riguardi atti (comprese delibere di Giunta regionale) con cui l’Amministrazione ha deciso di rivolgersi a personale esterno per il conferimento di incarichi di dirigente, ossia atti di organizzazione e conseguente conferimento degli incarichi medesimi.   ATTI AMMINISTRATIVI PRESUPPOSTI Corte di Cassazione, sez. un., 17 dicembre 2018, n. 32625, Pres. Mammone, Est. D’Antonio, P.M. Sorrentino (conf.). Impiegato dello Stato e pubblico – Dirigenti – Incarichi dirigenziali – Revoca – Soppressione di articolazione amministrativa – Impugnazione – Atto amministrativo presupposto – Giurisdizione ordinaria. Spetta al giudice ordinario la giurisdizione sulla controversia sulla revoca di incarico dirigenziale generale sul presupposto dell’illegittima soppressione da parte della P.C.M. del Dipartimento per lo sviluppo e la competitività del Turismo, effettuata con il D.P.C.M. 21 giugno 2011, giacché il suddetto provvedimento di revoca costituisce atto di natura privatistica, di micro organizzazione, riguardando la gestione del rapporto del dipendente con la P.A., atto amministrativo presupposto ai sensi del d.lgs. n. 165 del 2001, art. 63, comma 1, che il giudice ordinario può disapplicare. Il ricorrente fa valere, difatti, il suo diritto a mantenere la qualifica di dirigente generale venuta meno per l’assoluta ed insanabile illegittimità della soppressione del Dipartimento effettuata con provvedimento che viene in considerazione solo quale presupposto della gestione del rapporto giuridico e non già quale oggetto diretto ed immediato della pretesa.   DEMANSIONAMENTO Corte di Cassazione, sez. lav., 17 dicembre 2018, n. 32592, Pres. [continua ..]

» Per l'intero contenuto effettuare il login inizio


  • Giappichelli Social